AREA TECNICA

1623073521001.jpg

DA COSA E' CAUSATA LA CORROSIONE?
E' causata da:
- impurità presenti sulla superficie metallica prima della verniciatura come acqua o diluente non puro.
- un non corretto pretrattamento delle superfici metalliche.
- una incompleta asportazione della ruggine prima della verniciatura
- da vernice graffiata.
La soluzione:
Rimuovere completamente la vernice riportando alla luce la superficie metallica, ridare il fondo e riverniciare.
Come prevenire:
- Ripulire accuratamente i supporti prima di verniciarli.
- Eliminare qualsiasi residuo d’acqua presente sulla superficie da verniciare.
- Utilizzare un fondo appropriato

1632722858128.jpg

IL DIFETTO: SPRUZZATURA SECCA
Quando lo smalto appena dato si presenta granuloso e in genere poco brillante, può essere dovuto ad una viscosità della vernice non corretta, un utilizzo di un diluente non corretto o di bassa qualità, o ad una spruzzatura troppo rapida.
LA SOLUZIONE
Attendere la completa asciugatura della vernice quindi carteggiare e verniciare nuovamente.

1634138728350.jpg

IL FREDDO PUO' ESSERE UN NEMICO?
Verniciare ad una determinata temperatura è fondamentale per evitare certi difetti come lo sfogliamento.
La perdita di adesione tra fondo e finitura o tra la nuova vernice ed il substrato precedente, può essere infatti causato da una temperatura della superficie da verniciare troppo bassa o troppo alta !Tra gli esperti di Consumer Reports, la rivista dei consumatori nordamericani, gli stessi che curano i test di laboratorio sulle vernici.
Da loro viene, innanzitutto, il consiglio sulle temperature minime per verniciare. “Dovrebbero essere almeno 10 ° centigradi quando si applica la vernice e non si dovrebbe scendere sotto gli 0° di notte per diversi giorni dopo”, afferma Rico de Paz, che supervisiona i test di verniciatura di Consumer Reports.
La vernice ha bisogno di diversi giorni per indurirsi e, man mano che la temperatura scende, può formarsi della rugiada sulle superfici e far evaporare l’acqua nella vernice troppo lentamente.

1625835200800.jpg

CON LE SOLUZIONI VIVCOLOR NON ESISTONO DIFETTI
Conoscete il Blistering?
Si riferisce alla comparsa di bolle o piccoli rigonfiamenti sulla pellicola di vernice, può essere causato da diverse condizioni, la più comune è la errata pulitura o una preparazione non ben eseguita della superficie. Eventuali particelle di sporco lasciate sulla superficie possono assorbire e trattenere l’umidità.
Una volta che lo smalto viene esposto al sole o a pesanti cambiamenti di pressione atmosferica, l’umidità si espande e aumenta la pressione. In caso la pressione risulti abbastanza elevata si formano delle bolle.
COME PREVENIRE IL BLISTERING?
- Molta importanza assume la preparazione dei supporti e la pulizia dai contaminanti specialmente dopo carteggiatura o lavorazioni meccaniche. Evitare il contatto tra la superfici ed eventuali fonti di contaminazione, comprese le mani nude che rilascerebbero grasso e sudore;
- Scegliere attentamente il diluente più adatto al prodotto da applicare e il più compatibile con le condizioni di lavoro in cui il tutto viene usato;
- Assicurarsi di attendere le tempistiche adeguate per effettuare la sopraverniciatura tra una mano e l’altra di prodotti vernicianti di fondo e di finitura;
- Manutenere il proprio impianto di aria compressa in modo che non vi possa essere possibilità di contaminazione dovuta alla presenza di olii o di condensa

1628344836305.jpg

CON I PRODOTTI VIV COLOR ZERO DIFETTI
Il sollevamento è la formazione di rughe o crepe, cioè un effetto di gonfiore sotto il top coat.

Per evitare l'errore:
- tempo di essiccazione maggiore
- quantità di applicazione inferiore
- procedere con una leggera carteggiatura
- lavorazione secondo scheda tecnica

1624267990694.jpg

TEST DI CORROSIONE
Le prove in nebbia salina sono test che servono ad accelerare il processo di corrosione, e ci aiutano a comprendere quale sia la reazione e la resistenza di un prodotto all'aggressione di agenti corrosivi.
Il dipartimento di Ricerca e Sviluppo Vivcolor sta studiando un nuovo fondo epossidico ultra performante con proprietà di altissima resistenza alla corrosione per garantirne la massima prestazione. Il test, arrivato già a 750 ore, presenta una applicazione integra ed esente da penetrazione ossidativa sulla croce di controllo.

1626948543273.jpg

COME RISOLVERE IL DIFETTO DELLA SCHIVATURA?
La Schivatura si evidenzia con la formazione di piccole aperture a cratere della finitura sul fondo oppure sul supporto dopo l’applicazione per una mancata o inappropriata pulizia del supporto, o per la presenza di inquinanti, specialmente se l’inquinante è a base siliconica.
Altre cause per la presenza di schivature sono:
- La presenza di vecchie verniciature che contenevano un eccesso di additivi superficiali o sono contaminate da additivi superficiali;
- Utilizzo di carte abrasive non idonee che rilasciano sul substrato inquinanti che causano il difetto;
- Superfici galvanizzate non perfettamente risciacquate;
- Superfici inquinate da sostanze derivanti da altre lavorazioni eseguite nel luogo di lavoro;
- Contaminazione dovuta alla presenza di condensa e olio nell’aria compressa.

SOLUZIONE h
In presenza di questo problema occorre carteggiare e riverniciare la zona in cui il difetto si è presentato.

WhatsApp Image 2022-03-30 at 13.48.21 (20).jpeg

RICERCA E SVILUPPO
Le prove di resistenza dei materiali alla corrosione e all'invecchiamento in nebbia salina certificata, sono processi che il team del laboratorio di ricerca e sviluppo di Vivcolor effettuano regolarmente su tutti i prodotti.
Questo per garantire la massima prestazione delle nostre vernici!
Consulta i nostri esperti per individuare la soluzione più adeguata alle tue esigenze.